14 set 2021

*In mezzo alla fiaba* porte aperte al Goethe-Institut con Cartastraccia

 


Sabato 18 settembre, dalle 16 alle 18.45, in occasione delle porte aperte del Goethe-Institut di Roma aspettiamo i bambini a partire dai 5 anni e le loro famiglie per l'incontro *In mezzo alla fiaba*

Un pomeriggio alla scoperta delle illustrazioni di Fabian Negrin alle fiabe dei fratelli Grimm, letture e giochi intorno alle fiabe. 

L'attività è gratuita ma è necessaria la prenotazione qui: https://www.goethe.de/ins/it/it/sta/rom/ver/tag.html

Maggiori informazioni sulla giornata qui: https://www.goethe.de/ins/it/it/ver.cfm?fuseaction=events.detail&event_id=22301139

19 gen 2021

STORIE DIGITALI: incontro conclusivo "Literacy e digitale: tavola rotonda"

 Appuntamento conclusivo del progetto Storie digitali. Libri e narrazioni al tempo delle app (tutte le info qui) finanziato dall'Otto per mille della Chiesa Valdese, in collaborazione con Goethe-Institut, AIB Lazio e Biblioteche di Roma.

Literacy e digitale: tavola rotonda

A cura dell'Associazione Cartastraccia

Mercoledì 3 febbraio, ore 17,30

Per informazioni: info-roma@goethe.de - 0684400510/540

Per prenotarsi: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZUpd-yvqjgvHtTNHiR2VwE_-wiTqU91HO-e

L'incontro nasce dalla quantità di stimoli ricevuti nei vari interventi delle formazioni precedenti e dalla voglia di allargare il confronto su questi temi così attuali nella nostra quotidianità. Cartastraccia farà da moderatore degli interventi di esperti sul tema "Literacy e digitale".

Interventi tavola rotonda:

*Leggere e interpretare le immagini: dalla carta stampata alla condivisione dello schermo.

A cura di Emanuela Amadio

docente Case di Fotografia, co-founder hi-Storia

Si occupa di didattica fotografica per adulti e bambini; nelle lezioni in presenza lavora spesso con le stampe: immagini sciolte prodotte dai corsisti, libri e fanzine fotografiche, ingrandimenti per gli esercizi di composizione. I corsisti sfogliano e analizzano i libri, soffermandosi sull’esperienza di lettura.

Da marzo 2020 ha dovuto riorganizzare i corsi in funzione dell’emergenza sanitaria: ha iniziato a svolgere letture portfolio condividendo il suo schermo, a raccontare i libri tramite le stories di Instagram, ad integrare le proiezioni commentate delle slide con le presentazioni dei volumi via webcam. 

I corsi individuali e collettivi in videolezione  l'hanno portata a riflettere molto sulle modalità di fruizione delle immagini e sui paradigmi di una didattica di qualità che possa rispondere alle esigenze dei singoli partecipanti.

*Leggere e comprendere in digitale: l'importanza di scegliere libri di qualità per promuovere la motivazione alla lettura.

A cura di Arianna Lodovica Morini, PhD assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Formazione di Roma Tre. È cultrice della materia degli insegnamenti di Didattica della Lettura e di Organizzazione Didattica e Processi Valutativi di cui è titolare il Prof. Giovanni Moretti. Si occupa di tematiche legate alla promozione della lettura, all’uso integrato delle nuove tecnologie nella didattica e allo sviluppo professionale dei docenti.

L'intervento si fonderà sul ruolo della motivazione alla lettura nella formazione di futuri lettori, con riferimento a uno strumento per rilevare la motivazione alla lettura nella scuola primaria e secondaria di primo grado lettura e comprensione degli e-book illustrati e interattivi: principali esiti di una ricerca empirica quali variabili tenere in considerazione nella progettazione di un percorso di lettura in digitale: come selezionare materiali di qualità, l'importanza delle fasi di familiarizzazione e dell'osservazione

*Esperienze di minibombo tra cartaceo e digitale: facciamo il punto!

a cura di Casa editrice Minibombo 

Si parlerà brevemente di come la casa editrice ha interpretato il passaggio da carta a digitale e cosa ha imparato dopo 8 anni, mettendo l'attenzione sui successi e le difficoltà legate all'inserimento in questo mercato.

TABLETTI@MO. Infanzia e tecnologie digitali tra famiglie e servizi educativi: analisi da una ricerca-formazione

Affrontare l’uso degli strumenti digitali e delle loro applicazioni da parte dei minori, anzi dei piccolissimi, bambini e bambine, significa entrare in territori poco esplorati sia nella prassi didattica sia nelle pratiche familiari, e in cui, indubbiamente, prevalgono ancora le domande sulle risposte certe (Es. è bene che le nuove tecnologie siano usate dai bambini rima dei 6 anni? Devono essere presenti nei servizi 0-6 oppure no? E perché? Come può un genitore saper scegliere un prodotto multimediale giusto per il proprio figlio?...) Quali necessità di nuove governance familiari? Quali nuove forme di mediazione, di aspettative, rappresentazioni, timori, paure dei genitori rispetto alla “vita digitale” dei figli?

I linguaggi dei media sono naturali o bisogna imparare a usarli? Se un loro insegnamento è necessario, come concepirlo? Come realizzarlo nelle diverse realtà ed età educative? Come devono cambiare i processi di alfabetizzazione alle soglie del Terzo millennio? L'educazione ai media come una nuova sfida di quell'«educazione liberale per tutti» che dovremmo offrire a ciascun ragazzo, perché abbia gli strumenti culturali necessari per vivere da uomo tra i suoi pari.

Questa quotidiana frequentazione sia da spettatori, sia da attori, introduce questioni rilevanti per il dibattito pedagogico ed educativo quali i temi della responsabilità e corresponsabilità educativa, del benessere e dell'uso equilibrato e creativo di strumenti non ancora sufficientemente problematizzati in chiave pedagogica rispetto alla prima età. Il ruolo dei servizi educativi e della scuola è di fondamentale importanza in questo ambito: mediare e familiarizzare nella conoscenza di questi nuovi linguaggi, favorendo una conoscenza critica e attiva dei media, promuovendo le possibilità espressive e creative dei bambini e nuove forme di partecipazione attiva e di cittadinanza digitale. Si propongono le riflessioni e gli esiti della ricerca-formazione realizzata dal 2015 al 2018 e che ha coinvolto i servizi per l’infanzia nell’Unione Terre di Castelli (MO) e nel comune di Parma in un processo di sperimentazione e costruzione di modelli educativi-didattici d’uso dei device digitali con i piccolissimi, in un’ottica di alleanza tra servizi 0-6 e famiglie. Come si stanno costruendo nuovi processi relazionali tra adulti e bambini attraverso l’uso dei nuovi supporti multimediali? Come delineare “linee guida” per la scelta delle APP più adeguate allo sviluppo e alla crescita dei bambini e delle bambine e per progettare dentro i servizi per la prima infanzia, allestendo i giusti contesti e le attività multimediali più adeguate?

Rosy Nardone è ricercatrice confermata in Didattica e Pedagogia Speciale presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin” dell’Università di Bologna. È membro del Centro di ricerca su Media e Tecnologie (CeMET) e del Centro Studi sul Genere e l'Educazione (CSGE) dell'Università di Bologna. Tra i principali interessi ed esperienze di ricerca: le applicazioni ICT e contesti educativi tra scuola ed extrascuola, in particolare la tematica delle tecnologie in famiglia e del quotidiano infantile e degli adolescenti; videogiochi e processi socio-educativi e di apprendimento; new media literacy; educazione alla cittadinanza globale e digitale; nuove tecnologie e ambienti educativi inclusivi; prospettive di genere nei processi socio-educativi.

Federica Zanetti è Professoressa Associata in Didattica e Pedagogia Speciale presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna. Tra i principali interessi di ricerca: innovazione didattica e ambienti educativi inclusivi, educazione alla cittadinanza (dall’approccio interculturale, al genere, fino alla cittadinanza digitale e attiva), linguaggi artistici e creativi per la prevenzione, l’innovazione sociale e l’accessibilità culturale.

 


13 dic 2020

STORIE DIGITALI: appuntamento di formazione online con Caterina Ramonda

Quinto appuntamento di approfondimento professionale nell'ambito del progetto Storie digitali. Libri e narrazioni al tempo delle app, sostenuto con i finanziamenti Otto per Mille della Chiesa Valdese in collaborazione con Goethe Institut, Biblioteche di Roma e AIB Lazio.

"Quali app per quali lettori. Come scegliere prodotti digitali di qualità per bambini e ragazzi" 

a cura di Cartastraccia con Caterina Ramonda

mercoledì 20 gennaio, ore 17,30

Per informazioni: info-roma@goethe.de - 0684400510/540

Per prenotarsi: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZMkd-mqqjMjEty7axAk4Dfn5auJL7V1vCBP 


In questo incontro di approfondimento professionale per insegnanti, bibliotecari, genitori e appassionati i partecipanti potranno scoprire quali sono i prodotti digitali di qualità per bambini e ragazzi disponibili e acquisiranno degli strumenti utili per potersi orientare nel panorama delle proposte per l'infanzia.

Caterina Ramonda, bibliotecaria per bambini e ragazzi e collaboratrice della rivista Andersen, è un'esperta nell'integrare la promozione della lettura ed i nuovi strumenti digitali in un'ottica di crescita globale. Tra le sue molte pubblicazioni troviamo: 

Come avvicinare i bambini alla lettura. Otto percorsi per i 6-10 anni, per la casa editrice Bibliografica;

Libri, ebook e app: crescere lettori a tutto campo, in Guida all'uso dello scaffale per bambini 6-10 anni, a cura del Centro per il Libro e la Lettura;

Il blog come strumento di promozione della lettura (con Gian Maria Leone) in Progetti di lettura: un itinerario tra esperienze altoatesine e tendenze nazionali, a cura di Massimo Belotti.

 

 


30 nov 2020

STORIE DIGITALI: appuntamento formativo pratico con Daniela Bassi

 Quarto appuntamento di approfondimento professionale nell'ambito del progetto "Storie digitali. Libri e narrazioni al tempo delle app", sostenuto con i finanziamenti Otto per mille della Tavola Valdese. 



"NoApp. Uso creativo dei dispositivi digitali, fuori dagli schemi e dagli schermi"
A cura di Cartastraccia con Daniela Bassi

Giovedì 10 dicembre 
ore 17,45

Incontro online di approfondimento professionale e laboratorio esperienziale per insegnanti, bibliotecari, genitori, educatori ed appassionati.

MATERIALE NECESSARIO
- computer o tablet con cui connettersi (sconsigliamo la connessione da smartphone)
- fogli di carta
- pennarelli
- forbici
- un secondo dispositivo con cui fare le attività (uno smartphone)

Per informazioni: info-roma@goethe.de - 0684400510/540

 
Daniela Bassi è autrice del libro NoApp, pubblicato nel 2018 dalle Edizioni Lapis, e con questo incontro invita ad uscire dal percorso predefinito delle App per avventurarsi sulla strada delle idee: una sfida a usare lo smartphone in modo costruttivo per creare qualcosa di espressivo e personale, mettendo al centro del processo la creatività personale.

Quanta energia creativa si nasconde nei nostri smartphone?




26 ott 2020

STORIE DIGITALI: appuntamento di formazione a distanza, con Mauro Bellei

"Tecnologia e magia: la poesia del libri gioco, tattili e pop-up" a cura di Cartastraccia, con Mauro Bellei

mercoledì 4 novembre 2020, dalle ore 17,30 alle 19,30

Come molti altri oggetti anche un libro, semplice solo in apparenza, è frutto di una sofisticata tecnologia. Aprendolo, certe volte, scopriamo che gioca con tasche, buchi o fustelle. Si può dire che il libro è uno dei pochi oggetti che si trasformano di continuo senza perdere smalto, e si sa che quando è ben fatto il piacere di tenerlo tra le mani esalta il suo contenuto. Ma quand'è che la tecnologia trasforma un libro in magia?

Per informazioni: 
info-roma@goethe.de - 06 84400510/540


Mauro Bellei unisce alla professione di architetto la passione per l'editoria, dall'autoproduzione all'editoria industriale, passando attraverso l'esperienza del libro d'artista. Le sue esperienze progettuali nascono da sperimentazioni scenografiche teatrali e si sviluppano intrecciando opere di design e architettura. Alcuni di questi lavori sono raccolti nel "Progetto dello scoiattolo" (Corraini, Mantova, 2011). Entra nel mondo dell'infanzia nel 2000 col progetto "Blocco Balocco", una collezione di attrezzature per lo sviluppo psicomotorio dei bambini prodotta da Le-za. I suoi giochi didattici sono catalogati in "Accipicchiadesign" (Unoquasidue, Bologna, 2012), e una selezione dei suoi libri si trova in "Un altro libro" (Corraini, Mantova, 2016). Nel 2016 fonda Occhiolino Edizioni che pubblica libri per bambini dai 3 ai 10 anni. Ha tenuto laboratori per l'infanzia in molte città italiane. L'ultimo suo libro è "Città di numeri" (Fatatrac, Bologna, 2020), ed è in uscita con Occhiolino Edizioni "Danza con l'erba".
Proprio per la sua formazione Bellei ha sempre guardato la tecnologia con grande curiosità e senza sospetti.

Guarda questo video: Mauro Bellei, gli inizi

Nell'ambito del progetto "Storie digitali. Libri e narrazioni al tempo delle app" (progetto sostenuto grazie ai Fondi otto per mille della tavola Valdese, maggiori informazioni qui)