martedì 25 dicembre 2012

Tracce e Impronte. Una proposta bibliografica d'inverno.


Tracce misteriose da decifrare, impronte sul terreno per immaginare il passaggio di piccoli animaletti del bosco o dinosauri estinti. In questa stagione ogni passeggiata nella natura (nel bosco in campagna, nei parchi in città) trasforma bambini, genitori e operatori in esploratori fantastici. Consigliamo vivamente di prendersi del tempo per fare una passeggiata, scoprire i piccoli animaletti nel terreno e guardare con occhi e con mani, con sketchbook e matita, i grandi alberi, quelli rimasti spogli e quelli no.
E soprattutto: toccate le cortecce, fiutate l'umido e il freddo, seguite le impronte...
Ma che cos'è un'impronta? Ogni bambino lo sa, e senza difficoltà potrà dire: la forma di una cosa che non c'è più, ma che c'è stata, ha lasciato una traccia che può essere decifrata.
 Ecco allora alcune proposte di lettura per immergerci nell'avventura del rintracciare, scoprire cos'è che manca, vedere oltre. Per aguzzare lo sguardo, prestare attenzione ai particolari, alle cose minute, osservare i mutamenti delle stagioni nei colori e nelle forme. O come Pollicino, ritrovare la strada.

Carole Etow. Indovina di chi sono, Mondadori, 1992 (a partire dai 2 anni e mezzo, un libro divertente che solletica la curiosità dei piccoli esploratori)

Gerda Muller, Indovina che cosa succede: una passeggiata invisibile, Babalibri 2001 (dai 3 anni, un libro che invita a seguire le tracce. Pagina dopo pagina il lettore è in grado di raccontare cosa succede...senza vedere chi ha prodotto l'azione ma solo l'esito, ciò che ha lasciato. Un albo per guardare oltre, decifrare le immagini e imparare a leggere anche ciò che non si vede)

Yukiko Tanno, Mako Taruishi, La lettera di Babbo Natale, Babalibri 2004 (dai 2 anni e mezzo, albo illustrato in cui un postino si trova a dover decifare un indirizzo sbiadito, fino a scoprire, insieme ai suoi amici cui consegna quotidianamente la posta che... la lettera è destinata proprio a lui)

Claire Bampton, Sholto Walker, Segui le orme, IdeeAli 2010 (dai 3 anni)

Aoi Huber-Kono, Era inverno, Corraini 2004 (a partire dai 2 anni e mezzo)

E per i piccoli esploratori (a partire dai 3 anni) alcuni bei libri di divulgazione, per imparare a decifrare le tracce più misteriose:

Bang e Dahlstrøm Preben, Guida alle tracce degli animali, Zanichelli 1993
Melanie Mitchell, Di che zampa sei?, Ape junior 2009 (un libro interattivo con inserti tutti da toccare)
Dino Ticli, Fabio Magnasciutti, Fossili e dinosauri. La scienza sulle tracce di draghi e altri incredibili mostri, Lapis 2007

E pensando alle impronte...come non riproporre Rose nell'insalata, Corraini 2010, di Bruno Munari? Un laboratorio semplice, da realizzare in casa in quattro e quattrotto con qualche peperone appassito, un finocchio, qualche spugnetta usata e degli inchiostri a acqua. Una volta stampati con colori accesi, quasi si perde la traccia di ciò che ha lasciato l'impronta e i broccoli si trasformano in alberi corposi, i pomodori in violette, l'insalata una rosa. Ora, le tracce le inventate voi.

Trovate tutti questi libri nelle Biblioteche di Roma consultando il catologo opac.

Nessun commento:

Posta un commento