giovedì 18 ottobre 2012

Cenerentola come testo culturale



Convegno internazionale
Sapienza Università di Roma
8-10 Novembre  2012 
Cenerentola come testo culturale



Cenerentola è una delle fiabe più note e amate nella cultura occidentale. Popolare tra bambini e adulti, tradotta, adattata e reinventata anche in versioni del tutto divergenti. La storia di Cenerentola è stata rinarrata più volte in letteratura, in musica, a teatro, a cinema e in altre arti. E’ stata oggetto di ricerca scientifica estensiva a cominciare dal pionieristico compendio curato da Marian Roalf Cox nel XIX secolo. I folkloristi hanno rintracciato centinaia di forme di narrazione della fiaba, con plot e sottotipi distribuiti in tutto il mondo occidentale; hanno analizzato forma e tipologia della fiaba nel loro sviluppo diacronico. Molti approcci metodologici sono statai applicati a Cenerentola: rituale, strutturale, antropologico, sociologico o – più recentemente – femminista; o ancora: psicoanalitico – ricordiamo il Mondo Incantato di Bruno Bettelheim.
In questo convegno vorremmo considerare Cenerentola nella sua natura testuale, come prodotto situato in un (eco)sistema geoculturale, storico, letterario, mediatico. In altre parole, il focus del seminario qui proposto non è la Cenerentola fenomeno di folklore, né topos per esprimere valori e significati universali. Verranno indagate diacronicamente e geo-criticamente le diverse Cenerentola prese nella loro natura di testo, testo letterario e testo culturale, nelle sue metamorfosi testuali.

Tra i temi e questioni affrontati:
Giambattista Basile – Charles Perrault – Fratelli Grimm : interazioni e interconnessioni testuali

Grimm, Aschenputtel versus Perrault, Cendrillon. Affinità e differenze tra due testi letterari; ricezione e fortuna

Translatio / Traduzione
Tipi di pubblico e ricezione, manipolazione e Ideologia, translatio culturale

“Domestication” e identità nazionale; Le nazionalizzazioni di Cenerentola; comunicazione interculturale e adattamenti della fiaba

Lettura iconologica e imagologica: aspetti diacronici e sincronici delle rappresentazioni visuali di Cenerentola

Canone letterario e adattamenti intermediali (cinema, musica, teatro)
La conferenza è internazionale per ambiti e partecipanti; lingue di lavoro: inglese e italiano.

Key speakers confermati:
Ruth Bottigheimer (Stony Brook University)
Andrea Andermann (regista e produttore Rada Film)
Bernhard Lauer (direttore del Museo dei Fratelli Grimm di Kassel)
Francesco Reggiani e Sergio La Stella (Teatro dell’Opera di Roma)

Comitato scientifico:
Francesca Bernardini (“Sapienza” Università di Roma)
Johanna Borek (University of Wien)
Ruth Bottigheimer (Stony Brook University)
Martine Hennard Dutheil (University of Lousanne)
Vanessa Joosen (University of Antwerp)
Gillian Lathey (Roehampton University, London)
Jan Van Coillie (Hogeschool-Universiteit Brussel)
Monika Wozniak (“Sapienza” Università di Roma)

Organizzazione locale:
Camilla Miglio, Martine van Geertruijden, Monika Wozniak (“Sapienza” Università di Roma)
contatto: monika.wozniak@uniroma1.it, camilla.miglio@uniroma1.it

Segreteria Organizzativa:
Beata Bròzda
Barbara Pieczonka

Tutte le informazioni a questo LINK

Nessun commento:

Posta un commento