lunedì 2 febbraio 2015

Cartastraccia teatro: attenzione nuovo orario!

Cartastraccia presenta
 Fratellino e sorellina

di e con Cora Presezzi
Open studio residenza

Sabato 7 febbraio 2015, ore 20.30


Centrale Preneste Teatro
Via Alberto da Giussano n°58 (Pigneto-Malatesta)

ingresso gratuito


Questa settimana Cartastraccia è stata ospitata in residenza artistica nelle sale prova di Centrale Preneste Teatro. Cora è arrivata lunedì mattina con due sole cose in mano: un testo di Tiziana Lucattini, "Ci Pi Ci", e una fiaba dei Grimm, "Fratellino e sorellina". Martedì ha portato con sé anche un cestino con dentro qualche scialle, una vecchia gonna di seta gialla, una paio di scarpe rosse... Due storie, alcuni oggetti e un'attrice in uno spazio vuoto. Cosa ne uscirà fuori?
Quello che vedrete non è un vero e proprio spettacolo. Si tratta di una cosa che, nel linguaggio tecnico, si chiama “open studio”: una prova aperta. Un momento, cioè, in cui gli attori invitano il pubblico a sbirciare un lavoro ancora non finito. O, come in questo caso, appena avviato. Un lavoro che potrebbe trasformarsi completamente nel corso del tempo e che, magari, prima di esser pronto (e non è detto che lo sarà mai del tutto!) avrà bisogno di molte altre ricerche e sperimentazioni.
Le prove aperte sono molto importanti per gli attori. Sono momenti in cui gli spettatori, che sono una componente fondamentale del teatro, sono chiamati a prendere la loro parte anche nella fase di ricerca. E così l'attore potrà cercare di scoprire se il linguaggio che sta inventando “dice”, ha una sua grammatica interna, una sua comunicabilità.

N. B. Poiché il lavoro è in piena costruzione non è ancora possibile indicare con precisione la fascia di età per cui sarà poi più adatto, una volta fissato. Sicuramente però non è pensato per i piccolissimi. I bambini, più o meno dai 5 anni in su, sono naturalmente i ben venuti anche in questa occasione; si tratta però di una situazione che richiede una capacità di attenzione più sottile rispetto a uno spettacolo in tutto e per tutto rodato e definito. Ma esistono bambini e bambini, adulti e adulti, magie e magie...




Nessun commento:

Posta un commento