giovedì 11 aprile 2013

Bibliografia dei libri per piccoli degli incontri "Leggere prima"

Mettiamo qui a disposizione la bibliografia dei libri per piccolissimi (e non solo) da supporto agli incontri di formazione genitori del 10 e 18 aprile 2013 presso il consultorio di Via Salaria 140, Roma (per saperne di più sugli incontri di formazione "Leggere prima" clicca qui). 




 
Bibliografia dei libri per piccolissimi mostrati durante l'incontro di formazione genitori dell'11 aprile e 18 aprile 2013 presso il consultorio di Via Salaria 140, Roma.


Il libro come esplorazione sensoriale
Nei primi mesi di vita per il bambino il libro è oggetto di esplorazione sensoriale1 al pari degli altri oggetti. Legge i libri con la bocca, ciucciandoli o mangiandoli.
Il genitore può offrire libri resistenti di cartone, in stoffa o plastificati (libri da bagnetto).
Animali selvaggi, Crealibri 1998
Libro luna, Il battellino a vapore (Piemme 2002)
Facce, Emme Edizioni 2002
G. Van Genechten, Dino si veste, Ape Junior 2001


Primi libri di rime
Da subito ascoltare rime per voce della mamma (e del papà!) è un vero piacere per il bambino. La voce dell'adulto rassicura e calma il bambino, in particolare i suoni dolci, ripetitivi, in rima.2 Leggere la stessa filastrocca ogni sera, non fuggire la ripetizione, creare un rito affettivo è importante tanto per la serenità del bambino che per il suo sviluppo cognitivo e linguistico.
L. Cella, Mamma cannibale, Salani 1997
L. Gandini, Ninnenanne e tiritere, Einaudi Ragazzi 1998
D. Gliori, A spoonful for you, Orchad Books 19953
E. Gravett, Orange Pear Apple Pear, McMillan 2006
I. M. Martins, B. Carvalho, P di papà, Topipittori 2011
G. Orecchia, G. Mantegazza, Piede come stai?, La coccinella 1990
H. Oxenbury, Clap Hands, Walker Books 2008
G. Rodari, F. Altan, Prime fiabe e filastrocche, Einaudi Ragazzi 1993
G. Rodari, C. Rapaccini, L'omino delle nuvole, Editori Riuniti 1991
B. Tognolini, G. Orecchia, Mal di pancia calabrone, Salani 2009


Primi colori
Nei primi mesi è utile presentare libri in bianco e nero e con pochi colori. Il rosso è il primo colore che il bambino coglie. Una serie di libri con forme ben stagliate dal fondo, distinguibili e definite.
F. Altan, Pimpa, di che colore è? Franco Cosimo Panini 1994
T. Hoban, Black on white, Greenwillow Books 1993
T. Hoban, White on Black, Greenwillow Books 1993
L. Paladin, D. Guicciardini, Non ho sonno, Lapis 2009
A. Sanders, Quanti colori, Babalibri 2001

Primissime storie
I libri che piacciono al primo lettore hanno oggetti che facilmente riconoscono, piccole storie con azioni quotidiane. Il genitore legge a alta voce e indica le figure, il bambino vocalizza e batte sulle figure con tutte le mani.
Altan, Sulla spiaggia, Edizioni E. Elle 1978
Altan, Tornano le rondini, Edizioni E. Elle 1978
Altan, Pimpa con chi gioca?, Franco Cosimo Panini 1997
A. Curti, Quanti giochi, Happy Books 1996
K. Lindley, Psst...che cos'è?, Ravensburger 1998
L. Lionni, Quando? Disegni per parlare, Emme Edizioni 1991
L. Lionni, Chi? Disegni per parlare, Emme Edizioni 1991
L. Lionni, Dove? Disegni per parlare, Emme Edizioni 1991
L. Lionni, Cosa? Disegni per parlare, Emme Edizioni 1991
G. Vannetti, G. Mantegazza, Brucoverde, La coccinella 1998
G. Vannetti, C. A. Michelini, Contiamo insieme, La coccinella 1986


Primi libri catalogo
Libri che elencano oggetti, situazioni, infine piccole azioni che i bambini riconoscono.
In bagno, La Coccinella 1999
In campagna c'è, La Coccinella 1992
La nanna, La Coccinella 2009
J. e A. Ahlberg, The Baby's Catalogue, Puffin Book 2005
M. Inkpen, Wibbly Pig can dance!, Hodder Children's Book 1995
A. Sanna, Oggi mi sento così, Emme Edizioni 2012


Primi libri fotografici
Si dice che il primo “libro” che il bambino legge sia il volto della mamma, e le prime immagini che leggono, decifrano, interpretano, imitano siano i volti. I libri fotografici (e illustrati, ne è un esempio Clap Hands) di facce, con visi di altri bambini, sono un'apripista verso l'amore per la lettura.
Ai piccolissimi si possono dunque proporre una serie di libri fotografici, utili anche per introdurre la rappresentazione degli oggetti che compongono la realtà.
Facciamo le facce, Gribaudo 2011
Camion e ruspe, Ape Junior 2000
J. Hartley, Des rayures, del flèches, Didier Jeunesse 2009
S. Manetti (a c. di), Guarda che faccia!, Giunti Kids 2008


Prime storie
A due anni il bambino che è cresciuto con i libri legge storie complesse, coglie le strutture narrative, stabilisce forti legami emotivi e di predilezione per alcuni libri, di cui ama la ripetizione e li impara a memoria e corregge il genitore se salta o sbaglia una parola. A volte li legge a memoria, a alta voce come vede fare all'adulto, aiutandosi con le figure. La parola FINE, a quest'età, assume particolare importanza.
A. Abbatiello, La cosa più importante, Fatatrac 1998
N. Costa, Giulio coniglio fa merenda, Franco Cosimo Panini 2011
M. d'Allancé, Che rabbia!, Babalibri 2000
K. Gray, N. Sharratt, Mangia i piselli, Salani 2000
B. Guettier, Il papà che aveva 10 bambini, Ape Junior 2003
L. Lionni, Piccolo blu e piccolo giallo, Babalibri 2010


Primi libri per guardare nel profondo
Libri con le finestre, libri senza parole, libri da scoprire da piccoli e portar con sè per tutta la vita. Libri di qualità che ameranno bambini e genitori, libri quasi d'artista, belli da guardare.
S. Lee, L'onda, Corraini 2008
T. Miura, Lavori in corso, Corraini 2006
I. Mari, La mela e la farfalla, Babalibri 2004
B. Munari, L'uomo del camion, Mondadori 2008
B. Munari, buonanotte a tutti, Mondadori 1997
M. Vilcoq, Aspetto un fratellino, Babalibri 2004


Primi libri per osservare
Libri pieni di dettagli, dalle illustrazioni dense, brulicanti...libri da usare come palestra in cui allenare lo sguardo.4
C. Droop, Giochiamo in città col cagnolino Bobi, Ravensburger 1999
A. Fechner, G- Muller, Tutti i miei animali, Ravensburger 1998
A. Fechner, Cosa fa il cagnolino?, Ravensburger 1994
C. Westphal, Rund um die Welt ist Weihnachten, Himmer 2010

Strumenti per i genitori
Cataloghi e bibliografie NPL (reperibili on line, nelle biblioteche, su richiesta)
Nati per leggere a Roma. Leggere che piacere (a c. di A. M. Di Giovanni), Roma 2009
P. Boero, C. De Luca, La letteratura per l'infanzia, Laterza 2000
E. Cremaschi, G. Mirandola, I. Tontardini, Il Catalogone. Le parole e le immagini, Topipittori, La Margherita, Babalibri, Franco Cosimo Panini, Il gioco di leggere, 2013
Hamelin, Ad occhi aperti. Leggere l'albo illustrato, Donzelli 2012
M. Terrusi, Albi illustrati. Leggere, guardare, nominare il mondo nei libri per l'infanzia, Carocci 2012
R. Valentino Merletti, L. Paladin, Libro fammi grande. Leggere nell'infanzia, Idest 2012

1Questi oggetti, a metà tra libro e gioco, è importante: -che siano sicuri; -che siano resistenti e maneggevoli; -che siano facili da pulire; -che siano a forma di libro. Tutte le caratteristiche e approfondimenti nel manifesto Il mio primo libro, ricevuto in fotocopia e scaricabile qui
2Per saperne di più, cfr. A. Dal Gobbo, La musica delle parole, Quaderni ACP 2008, 15 (2), pp. 89-91, che trovate in allegato.
3Per saperne di più su Debi Gliori, sul blog Cartastraccia trovate questo approfondimento: http://associazionecartastraccia.blogspot.it/2012/11/letture-cartastraccia-della-settimana.html.
4Una bibliografia tematica su questo tipo di libri solitamente di grande formato la trovate su: http://associazionecartastraccia.blogspot.it/2013/02/libri-brulicanti-wimmelnbuch.html
 
N. B. Si tenga presente che è appunto una selezione di libri da mostrare e intorno a cui si è parlato, per bibliografie ben più autorevoli rimandiamo al sito del progetto nazionale Nati per Leggere, dove genitori e operatori possono trovare tutti i riferimenti per aderire, promuovere, leggere subito, leggere prima!
  In particolare, una pagina utile in cui reperire bibliografie è quella della sezione NPL della Biblioteca Salaborsa di Bologna
 Consulta invece qui la brochure informativa sui consultori del II distretto di Roma, dove sono, i servizi gratuiti che offrono. 

3 commenti:

  1. Utilissima bibliografia non solo per chi non parteciperà agli incontri di formazione, ma per chi ha figli in età prescolare a chi deve fare regali e a chi è rimasto affascinato dal mondo dell'editoria per l'infanzia.
    Copiata e salvata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara mammozza! E noi ne approfittiamo per consigliare a tutti di frequentare il tuo fantastico blog!
      Dobbiamo però fare una precisazione per chi non viene agli incontri: un libro tra questi è usato come esempio "negativo", al rovescio, perché in materiali non idonei e di forma poco "libresca", si tratta del "Libro luna", un carillon in cartone duro foderato di gommapiuma...
      Un abbraccio a tutte le mamme presenti e future,
      Leyla

      Elimina
    2. Ottima idea quella del modello negativo. Grazie per la precisazione

      Elimina